DECORO URBANO: IL COMMENTO E’ LIBERO MA I FATTI SONO SACRI [ADRIANO SITZIA]

0
314

14062015613 14062015609

Nel corso dell’ultima seduta consiliare, un consigliere – mi pare proprio un capogruppo – di maggioranza, ha sostenuto, forse un po’ temerariamente, che la città è più pulita che in passato. Ora, simili confronti sono spesso azzardati ma mai facili. Del resto la città è grande e, dunque, le cose cambiano o possono cambiare rapidamente da zona a zona – quando non da strada a strada -, e, in particolare, dal centro alle periferie. E poi occorrerebbe fissare un’unità di valutazione condivisa. Infatti tanti fattori (esterni e personali) possono condizionare un simile giudizio: ecco, per esempio una via con il fondo stradale recentemente rinnovato appare sicuramente “più pulita” di una con l’asfalto rovinato.
Tuttavia a dar maggiore fastidio al cittadino sono proprio quelle situazioni critiche ben note a tutti e quasi inveterate, che però, inspiegabilmente, non trovano mai soluzione! Ora, una settimana fa, nel quartiere Sacro Cuore, esattamente in via Torino un albero in pessimo stato è caduto sopra un’auto parcheggiata. I danni, per fortuna, sono stati pochi. Domanda: e se questa legna fosse caduta sopra qualche passante!? Da allora trascorrono solo alcuni giorni ed ecco nello stesso quartiere un altro albero, anch’esso malmesso e trascurato, “perdere pezzi” in seguito al vento, quel giorno peraltro neppure così forte. Domanda: a quando una ricognizione sullo stato di salute degli alberi anche nelle periferie?
Voltiamo pagina, per dedicarci agli “agrumeti” piantati, alcuni decenni or sono, in alcune vie sempre del Sacro Cuore. Un problema questo sollevato a più riprese, e con diverse amministrazioni. Ma, come chiaramente si può vedere (la foto è di stamane), finora nessuna soluzione. Ora, anche considerando secondari i problemi di pulizia, di decoro, ma anche di turamento di quelle caditoie stradali prive di protezione, resta pur sempre … primario quello della sicurezza dei passanti. Ennesima domanda: a quando una soluzione di questo “vecchio” problema?
Diceva un intellettuale francese: “In politica, la saggezza è non rispondere alle domande. L’arte, non lasciarsele fare”. Appunto!