AVVICENDAMENTO ALLA GUIDA DELLA PARROCCHIA DEL SACRO CUORE DI ORISTANO [ADRIANO SITZIA]

0
404

Con una bella e toccante funzione – nonostante tutte le limitazioni covid -celebrata oggi alle 11.00, padre Dominic Tabal ha salutato tutti i parrocchiani del Sacro Cuore di Oristano. Nel suo volto e in quello di diversi suoi collaboratori e fedeli presenti, la commozione, soprattutto in alcuni momenti, ha fatto breccia. Del resto non poteva che essere così dopo ben undici anni di permanenza alla guida della parrocchia del quartiere oristanese. Una parrocchia che, attraverso il fresco entusiasmo e con la instancabile azione pastorale di questo suo giovane parroco, ha potuto godere con continuità di quell’afflato missionario, che tradizionalmente vi ha soffiato grazie all’opera dei Figli di Santa Maria Immacolata, che la curano da oltre sessant’anni.
Preso possesso della sua nuova sede nel novembre 2009, quasi in punta di piedi padre Dominic, sacerdote da appena quattro anni, ha iniziato un proficuo lavoro di irrobustimento della comune fede attraverso una lunga serie di momenti d’incontro e di iniziative che, varcando i muri della chiesa, hanno raggiunto tutte le zone del quartiere, ovunque coinvolgendo i suoi residenti. Omelista brillante e mai banale, persona disponibile ed affabile, lascia un’eredità sacerdotale ed umana sicuramente importante al suo giovane successore, padre Kingston Salvador, per trasferirsi a Roma, dove assumerà l’incarico di parroco di Santa Maria Janua Coeli nel quartiere di Montespaccato. Qui, a testimonianza del suo speciale rapporto con il quartiere del Sacro Cuore, prenderà il posto proprio di un figlio di questo quartiere, padre Antonio Sconamila.