LE RAGAZZE DELL’ATLETICO BRAVE MA SFORTUNATE: TRENTO PREVALE DI MISURA [ADRIANO SITZIA]

0
373

Nel recupero della quinta di campionato, giocato nel primo pomeriggio al Centro sportivo di Sa Rodia, il quotatissimo Trento C. F. ha superato di misura, 1 – 0, l’Atletico Oristano. Diciamo subito che è stato un match molto combattuto e, come spesso accade a Sa Rodia, condizionato da un vento sostenuto, che anche stavolta, come vedremo, ha influito sul risultato finale. Le due squadre hanno offerto un buon spettacolo calcistico, in cui le fasi difensive si sono dimostrate molto efficaci, tanto che il taccuino del cronista è stato poco “consumato”. Le ragazze di mister Gigi Avellino sono scese in campo con il loro ormai collaudato 4 – 3 – 3: Deiana in porta, Filippo, Senes, Farris e Dessì in difesa, Quidacciolu, Catte, Piras centrocampiste, Cocco centravanti tattica e Casula e Mattana attaccanti esterne. Come dicevo partita fin dai primi minuti vivace, quanto avara di emozioni e di vere occasioni da gol. Solo intorno alla mezzora del primo tempo si vede la prima vera palla goal: a costruirla è il Trento, che riesce a sfondare sulla sua fascia destra. Ne scaturisce un ottimo cross rasoterra che però l’attaccante trentina non trasforma bene, tirando alto da ottima posizione dentro l’area. Qualche minuto dopo l’Atletico risponde creando due grandi occasioni. Nella prima, penetrazione profonda delle biancorosse sulla destra ed ottimo cross, sul quale si avventa Mattana di testa. La sua deviazione aerea è però murata sempre di testa da una giocatrice ospite. La respinta giunge sul piede della Quidacciolu che però esita a concludere.
La seconda è forse la palla goal più nitida di tutto l’incontro: grande azione sempre sulla destra di Mattana, che salta tre avversarie mettendo sul dischetto del rigore un cross rasoterra davvero invitante. Giorgia Casula però spedisce la conclusione sopra la traversa. Gol sbagliato, gol subito! Infatti, quando manca appena un minuto all’intervallo le ospiti conquistano un calcio d’angolo dopo un’azione sulla loro sinistra. Il tiro, non irresistibile ma allungato dal vento, si infila sul palo lontano sorprendendo la difesa biancorossa, nell’occasione un po’ disordinata e distratta.
La prima frazione si conclude dunque con il parziale di Atletico Oristano 0 – Trento 1.
La ripresa è più o meno la fotocopia di quanto già visto fino a metà gara. Stavolta sono le ragazze oristanesi a tentare di sfruttare il vento a favore, provando più volte la conclusione da fuori, quasi sempre fuori bersaglio. Al 5′ ci prova su punizione la solita Mattana: il tiro non potente anche se preciso crea qualche imbarazzo alla estrema difenditrice ospite, l’esperta Valzolgher, che smanaccia maldestramente in angolo. Cinque minuti dopo ci prova dal limite Quidacciolu con un tiro potente, che però si spegne a lato a circa un metro dal palo. Intorno al 25′ un ottimo spunto di Maura Mattana viene bloccato volontariamente con una plateale trattenuta. Al minuto 28 ci prova sempre da fuori Cocco. Dieci minuti dopo è la volta di Giorgia Casula con una conclusione quasi a giro scoccata dal vertice sinistro dell’area ospite. Al 41′ ultima interessante chance di pareggio per Oristano: lancio piuttosto lungo e preciso per Solinas, subentrata nella ripresa. Ma Valzolgher è correttamente piazzata al limite della sua area e blocca il pallone con sicurezza.
Da notare che Marika Deiana nel secondo tempo ha fatto solo da spettatrice.
Insomma una partita da pareggio a reti inviolate, alla fine decisa a favore di Trento da un episodio. Da rimarcare positivamente la prestazione del terzino destro Marta Filippo (voto 7,5), che ha spinto con continuità ed efficacia sulla sua fascia, senza mai trascurare la fase difensiva. Brava come sempre Maura Mattana, nonostante ad un certo punto le botte subite ne abbiano limitato l’intraprendenza. Molto attive anche Casula e Cocco, nonostante qualche eccessivo personalismo. Più che sufficienti il centrocampo – pur con qualche imprecisione di troppo – e la difesa, sempre attenta anche se qualche volta troppo lenta nel giro palla.
Adesso un nuovo ravvicinato impegno casalingo attende la squadra del presidentissimo Naitza: Domenica, alle ore 13.30, sempre a Sa Rodia, sarà di scena il Padova, attualmente al quarto posto del girone con 14 punti in 7 partite. Le patavine sono reduci da un buon punto esterno conquistato contro il Brixen Obi, terza forza del torneo. Invece il Trento con l’odierna vittoria conquista la vetta della classifica. Domenica però le ragazze di Mister Spagnolli avranno il turno di riposo, che potrebbe favorire il Cortefranca, attualmente secondo, di scena ad Isera.