L’ATLETICO SBANCA ISERA. LA TORRES FEMMINILE PROMOSSA IN B! [ADRIANO SITZIA]

0
511

Ultima partita del campionato quella odierna ad Isera, contro la compagine locale, per l’Atletico OR, che porta a casa una bella vittoria, vendicando l’inopinata sconfitta subita all’andata e così confermando di preferire le trasferte ai match tra le mura amiche.
Oggi, a giochi ormai fatti, con la stessa Isera ormai salva, dopo che in settimana, è stata ufficialmente decretata la riduzione delle retrocessioni da due ad una sola per girone, la partita rischiava, complici l’orario ed il caldo, di rientrare nella categoria “in attesa della doccia“!Invece ne è venuto fuori un incontro combattuto fin dal fischio d’inizio, con le padrone di casa abili, come all’andata, a concretizzare subito una delle poche palle gol avute, e le Oristanesi invece un po’ sfortunate ed un po’ sprecone (soprattutto in un paio di circostanze abbastanza favorevoli).
La prima frazione s’è cosi’ conclusa con il punteggio di 1 – 0 per le locali.
Ma, al rientro dagli spogliatoi, la musica è decisamente cambiata: infatti l’Atletico ha subito preso in mano le redini del gioco, raggiungendo il pari con la solita eccellente Maura Mattana, alla sua sedicesima realizzazione in stagione (quarto posto nella classifica marcatrici del girone B), e poi centrando la vittoria con la doppietta di Noemi Scalas, giovanissimo prodotto della “cantera” oristanese, ed oggi autrice di un’ottima prestazione. Le trentine, pur mettendoci molto impegno, non sono state più in grado di replicare, ed anzi hanno rischiato di subire un passivo più pesante.
Risultato finale: Isera 1 – Atletico 3.
Dunque, dopo anni travagliati, la compagine oristanese è riuscita ad ottenere una salvezza tranquilla, raggiungendo il nono posto con 21 punti. Gli obiettivi iniziali, salvezza senza patemi e valorizzazione delle tante giovani e giovanissime presenti in rosa, sono stati tutti sostanzialmente raggiunti. Di questo va dato merito certamente al tecnico, il bravo mister Luigi Avellino, che, fin dal suo arrivo ad Oristano, nel novembre 2019, lavorando con impegno ed abnegazione, ha saputo dare una valida dimensione agonistica e, soprattutto, un efficace gioco alla squadra, migliorando nel contempo anche il livello tecnico ed il rendimento di diverse calciatrici. Va altresì dato merito alla società, guidata dal presidente Emilio Naitza, di aver portato avanti con convinzione il progetto “giovani e sarde“, senza “mollare” nemmeno nei momenti più difficili, che – ahinoi! – non sono mancati. Ovviamente un “brave!” stampato a caratteri cubitali deve essere il giudizio nella pagella delle giocatrici, le vere protagoniste di questo importante risultato.
Ora occorrerà tentare di crescere, sollevando l’asticella a quote almeno un pochino più alte. Per far ciò, sarà indispensabile una buona pianificazione generale, che guardi non solo al domani ma anche al posdomani. Nel frattempo, però, è giusto festeggiare il bel risultato ottenuto e tutti i suoi protagonisti.
A proposito di risultati, è doveroso rimarcare quello prestigiosissimo della promozione in serie B raggiunto dalla Torres femminile, che così fa ritorno nel calcio che conta. I nostri complimenti vanno alle giocatrici, tra cui la fortissima attaccante Adriana Gomes, che, da gennaio quando è giunta a Sassari, ha segnato ben 29 reti, facendo fare un grande salto di qualità alla squadra turritana, e Jelena Marenic, calciatrice dalle eccelse qualità ed autrice di un’ottima stagione arricchita da un bottino di ben 20 gol; a Mister Arca, al dg Pala, alla società ed al suo bravo Presidente, Andrea Budroni. La speranza, da parte nostra, è quella di poter vedere un giorno, speriamo vicino, anche l’Atletico Oristano calcare palcoscenici più importanti.