SERIE C FEMMINILE: UN BUON RICCIONE SUPERA L’ATLETICO OR [ADRIANO SITZIA]

0
222

Niente da fare per l’Atletico Oristano c. f. opposto questo pomeriggio al Campo Tharros, al Riccione. Infatti, complice un terreno di gioco molto pesante dopo le consistenti precipitazioni di questi ultimi giorni, la squadra oristanese, (incredibilmente!) ancora senza tecnico e oggi priva anche della sua bandiera Maura Mattana, ha dovuto chinare il capo di fronte ad un Riccione solido, ben messo in campo, e con alcune giocatrici molto interessanti. Tra queste ultime ha destato grande impressione la centravanti Valentina Colombo, classe 2003, autentica spina nel fianco delle locali difenditrici centrali.

La cronaca vede le romagnole iniziare bene, occupando la metà campo dell’Atletico Oristano. Già al quinto minuto Roberta Edoci impegna a terra l’attento portiere sardo Martina Piga. L’Atletico però reagisce subito, con un’azione ficcante fermata da un offside. Un minuto dopo patatrac biancorosso e Riccione va in vantaggio: l’Atletico infatti perde una brutta palla a centrocampo, preda delle riccionesi che liberano la centravanti Valentina Colombo davanti a Piga. E la “9” ospite non sbaglia!

Al minuto 16 corto e sghembo rinvio del portiere arborense, che innesca le attaccanti ospiti. Stavolta la difesa biancorossa ci mette una pezza, salvo poi smarrirsi due minuti dopo, quando Noemi Monetini dalla fascia mancina spedisce in area un cross alto. Le difenditrici oristanesi, mal piazzate, si dimenticano del palo più lontano, dove invece arriva ancora Colombo che da due passi insacca! Atletico 0 – Riccione 2.

L’Atletico prova a scuotersi, ma non riesce mai a pungere, mentre Riccione la attende per colpirla di rimessa. Infatti (minuto 26) nuovamente Colombo si rende pericolosa nell’area biancorossa: sulla linea salva Sofia Angioni.

Alla mezzora Oristano riesce finalmente ad entrare in area romagnola con Cocco in azione individuale. Ma la forte centrocampista sarda viene fermata prima del tiro. Subito dopo nuovamente Angioni, ultima difenditrice, è brava a disinnescare l’onnipresente Colombo, che sta per involarsi verso la porta di Piga.

Il Riccione continua a premere e al minuto 38 Aurora Liuzzi scaglia un gran tiro dai venti metri, che sfiora il palo alla destra di Piga. Poco dopo una punizione dal lato sinistro a favore delle rivierasche viene faticosamente contenuta dalla difesa oristanese.

Al 44′ finalmente uno squillo delle padrone di casa. E che squillo!!! Rapido contropiede condotto da Cocco che entra in area dalla destra ed effettua un tiro-cross, sul quale Scalas, fino a quel momento troppo isolata in avanti, si fa trovare pronta a buttarla dentro. Risultato parziale: Atletico 1 – Riccione 2.

Nella ripresa il copione non cambia molto, anche se l’Atletico riesce ad essere più incisivo davanti. Al 6′ ecco il primo tiro in porta: lo effettua ancora il Riccione: Piga blocca bene a terra.

Due minuti dopo primo angolo del match sempre a favore del Riccione, ma senza esito. L’Atletico ci prova di rimessa, ma, come spesso le capita, si perde al momento “buono”.

Intorno al quarto d’ora la biancorossa Eva Kapareli dalla sinistra riesce ad entrare nell’area romagnola, scaricando un tiro a mezza altezza, deviato in angolo dal portiere ospite. Riccione però replica subito, con una gran conclusione dal vertice sinistro, che Piga manda in angolo. Poi è ancora e sempre Valentina Colombo a sfiorare la segnatura.

L’Atletico allora butta in campo le sue residue forze, con una serie di sostituzioni, che però non sortiscono l’effetto sperato. Infatti è sempre e solo Riccione quella pericolosa, prima intorno alla mezzora con un’azione tambureggiante nell’area biancorossa e poi, verso la fine, con due clamorose occasioni, ovviamente, della Colombo. Nella prima, sola sul dischetto, la ragazza romagnola manda incredibilmente fuori un ottimo passaggio smarcante, proveniente dalla sua sinistra. Poi però si riscatta parzialmente liberando il suo destro, che la brava Piga – buona la sua prestazione – riesce a spedire in angolo.

E’ l’ultimo sussulto prima del triplice fischio che manda negli spogliatoi le due squadre con lo stesso punteggio della prima frazione: 2 – 1 per le ospiti.

Che dire? Vittoria meritata del Riccione di fronte ad un Atletico, volenteroso, combattivo ma davvero poco incisivo davanti ed in difficoltà a centrocampo. Certamente il terreno di gioco pesante e quindi lento non ha favorito le leggere padrone di casa, che tuttavia continuano a palesare limiti di efficacia e di pericolosità dalla trequarti in su.
Adesso ad attendere le oristanesi c’è l’imbattuto Brixen, una delle migliori squadre del girone, che guida insieme al Vicenza, grazie a 6 vittorie e 2 pareggi. Una trasferta proibitiva questa in un momento non proprio facile per le ragazze del Presidente Naitza. Presidente che è sempre impegnato a sciogliere il nodo legato al successore di Mister Soru.